COPERTINA
Borghi agli studenti della Lumsa: "Preparatevi a un salto di fase per costruire un nuovo modello di sviluppo del Paese"

03 Mag 2017

La Lumsa ha dedicato oggi una giornata di lavori alla Montagna "infrastruttura verde d'innovazione e sviluppo" dando voce ai rappresentanti del mondo accademico e scientifico e a quelli della politica. Una felice intuizione che ha messo in evidenza quanto le due sfere abbiano bisogno di integrarsi per garantire ai territori montani sviluppo sostenibile e innovazione. "Siamo nella condizione di dover fare un salto di fase - ha detto l'on. Enrico Borghi, presidente della Fondazione Montagne Italia e di Uncem alla platea composta soprattutto da under 30 - per comprendere fino in fondo come costruire un nuovo modello di sviluppo del paese. Non possiamo oggi riprodurre le stesse politiche e applicare gli stessi modello di conquant'anni fa perché sono mutate radicalmente le condizioni che hanno portato il legislatore a scrivere l'art.44 della nostra costituzione. E se l'assistenzalismo era l'orizzonte nel quale ci si muoveva oggi le parole chiave sono resilienza, sussidiarietà e sviluppo sostenibile. Siamo seduti su un laboratorio straordinario - l'Appennino e le Alpi - che possiamo gestire solo attraverso le leggi della green economy perché l'obiettivo è la decarbonizzazione entro il 2050 e allora sarete voi a guidare il Paese e a decidere quali politiche debbano essere messe in campo per vincere le prossime sfide. E in queste politiche le montagne sono un laboratorio eccezionale, se si fa capire al Paese che investire su di esse è investire per l'interesse nazionale e non dare un'elemosina marginale. E il capitale umano, per questo salto di fase, è decisivo".