Olimpiadi: Zaia, Cortina e Dolomiti sono eccellenze che possiamo spendere

12 Apr 2018

"Per le Olimpiadi invernali del 2026 ci sono due candidature che hanno due similitudini come città metropolitane, ovvero Torino e Milano e una che è un'outsider, che candida un Patrimonio dell'Umanità, che ha un brand mondiale come Cortina ed eccellenze da spendere che peseranno sicuramente sulla decisione". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia. "I dominus sono il Coni e il governo: il Coni è quello che dovrà scegliere fra le tre proposte per individuare la candidatura italiana. Incontrerò presto Malagò, siamo d'accordo di vederci la prossima settimana. Direi che per noi inizia una bella avventura, ci crediamo, investiamo e garantiamo anche stabilità decisionale, cosa fondamentale per una sfida che guarda molto distante, perché parliamo del 2026". "Altra cosa da considerare - ha aggiunto Zaia - è che in una città il giorno dopo si spengono i riflettori, da noi il giorno dopo si inizia ad andare all'incasso di una promozione che durerà anni. Per sostenere la candidatura di 'Cortina Dolomiti Unesco' si sono fatti avanti nomi importanti: abbiamo tantissimi sostenitori, molti che vengono da fuori del Veneto". "Se poi vogliamo dare a questa partita anche dei contenuti che vadano al di là della competizione sportiva, ricordiamoci che la montagna ha bisogno come l'ossigeno di un evento come questo", ha concluso Zaia. 

COPERTINE