Progetto Media-Alp

 

1. Che cosa è Media-Alp?

Un'agenzia di informazione e comunicazione per la raccolta e la diffusione di notizie sulla cultura dell'arco alpino. E' questo il principale obiettivo di Media Alp, il progetto che trova spazio all'interno del programma comunitario INTERREG IIIB e che vede insieme partner italiani (tra i quali Uncem) ed europei nelle regioni dell'arco alpino a cavallo tra Italia, Svizzera, Francia ed Austria .

Il coordinamento del progetto è stato affidato al Dipartimento degli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è cofinanziato dall'Unione Europea (FERS Fondo Europeo di Sviluppo Regionale).

L'iniziativa, che nasce per favorire l'integrazione e lo sviluppo equilibrato del territorio europeo, vede la possibilità di finanziare progetti di cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale tra operatori pubblici e privati operanti sia nell'Unione europea sia negli Stati limitrofi, favorendo legami suscettibili di sviluppi futuri anche al di là di quanto previsto dai programmi.

I settori di intervento spaziano dallo sviluppo economico all'assetto del territorio e al collegamento in rete dei Servizi.

Nello specifico, il progetto Media Alp si propone la creazione di una media-agency, un'agenzia informativa, che offra servizi qualificati ai mezzi di comunicazione e informazione (TV, Radio, documentaristi, ecc...).
Un esempio per tutti: un'emittente televisiva che volesse produrre un documentario o uno speciale sui carnevali tradizionali nelle aree alpine potrebbe rivolgersi alla media-agency di Media-Alp per acquisire materiale di repertorio su questo tema, realizzato attraverso una serie di standard e di format definiti dalla media-agency in collaborazione con le Comunità Montane e già opportunamente organizzato e commentato dai professionisti locali che ne hanno curato la raccolta.

 

2. Cosa offre Media-Alp agli Enti Locali?

Media-Alp promuove in primo luogo il territorio (attraverso la raccolta di materiale relativo ad eventi e spettacoli culturali, risorse museali ed artistiche, artigianato, tradizioni, enogastronomia tipica, ecc...), "forma" gli operatori dei media locali ed acquisisce i loro servizi all'interno della mediateca, aiutando a collocarli presso i grandi canali di comunicazione.
In sostanza, l'operatore dei media locali, che risiede sul territorio e pertanto può essere tempestivo nella copertura degli eventi, oltre a vantare una consuetudine di rapporto con gli enti locali, può, attraverso Media-Alp, qualificare e diffondere il proprio prodotto in nuovi circuiti nazionali ed internazionali, con un conseguente ritorni di immagine per il territorio.

Un servizio su una festa di carnevale tipica di una vallata montana potrà in questo modo essere ripreso dalla media-agency e "confezionato" all'interno di un prodotto più articolato sul carnevale nelle aree alpine, arricchito da interviste a studiosi delle tradizioni popolari piuttosto che da servizi su altri eventi tradizionali dello stesso genere in altre nazioni europee.
Non è tutto.
Media-alp può intervenire anche direttamente a supporto dell'organizzazione di eventi o di attività di sviluppo locale (sempre limitatamente all'aspetto culturale).
Un consulente di Media-Alp può entrare nel team di progetto (a titolo non oneroso) e lavorare per garantire una qualità dei testi e dei contenuti promozionali in maniera che siano adatti ad essere acquisiti, rielaborati e veicolati dall'agenzia.
Questa attività può avvenire su tavoli di coordinamento per lo sviluppo locale promossi dalla Comunità Montana, che raccoglie gli attori locali per lo sviluppo e ne coordina il rapporto con la media-agency.

 

3. In questo scenario chi guadagna cosa?
  1. la Comunità Montana ne beneficia in termini di qualità ed opportunità di promozione del proprio territorio, offrendo un servizio agli attori dello sviluppo culturale locale;
  2. gli operatori dei media locali conquistano nuovi mercati qualificati per il proprio lavoro;
  3. Media-Alp ricava informazioni attraverso le quali realizzare i prodotti da veicolare.

 

4. Cosa si chiede ora alle Comunità Montane?

In questa fase del progetto è necessario l’ausilio delle Comunità Montane al fine di individuare “attori chiave” nell’ambito culturale sul territorio, per intervistarli telefonicamente al fine di focalizzare l’offerta sulle reali esigenze del territorio.

Le aree di interesse di Media-Alp sono:

  • • Patrimonio Culturale (Musei, gallerie, chiese, biblioteche, castelli e artigianato tradizionale)
  • • Arti visive (fotografia, cinema, pittura)
  • • Musica
  • • Teatro (teatri locali, compagnie teatrali, circhi)

Al contempo, questi colloqui serviranno ad individuare potenziali partner privilegiati dell’iniziativa.

Inutile sottolineare come il ruolo della Comunità Montana sia indispensabile quale coordinatore tra gli attori territoriali individuati.

 

5. A chi rivolgersi per informazioni

Per ulteriori informazioni potete contattare direttamente la d.ssa Gallinaro presso i nostri uffici:
tel: 06-44232371